maggio 22nd, 2012

Ah, Nicola…ce m’a fatte

 

(Ah,Nicola …che mi hai fatto)

 

Una delle più belle storielle tratte dal libricino Ogne pezzeche gnorech edito da Il Giornale di Putignano nel 1999

“In punto di morte un padre chiamò al suo capezzale i figli e il notaio per redigere leultime volontà.

Mentre il notaio interpellava il morituro dicendo “Allora Antonio, il fondo a chio lo lasci?”, entrò Nicola, il figlio che più aveva fatto disperare l’uomo portandolo in punto di morte.

Il padre , vedendolo , subito esclamò : «A’ Nicola…» e il figlio subito intervenne dicendo «Notaio, avete sentito? Il fondo a Nicola»… Nel frattempo, però, il padre finiva la frase, dicendo: «…ce m’à fatt!»

Ma il notaio non udì queste parole e prese appunti solo della prima frase. Così avvenne per tutto il resto dei beni e …Nicola che aveva fatto morire il padre ereditò tutto.

maggio 9th, 2012

Vi proponiamo un’altra puntata dei motti e modi di dire putignanesi tratti dal nostro libricino ormai introvabile :”Ogni pezzeche gnoreche” (1998 – edizioni Il Giornale di Putignano) .

Il motto di oggi è

 

Ame rette a messe ‘o cazz!

 

(Abbiamo detto Messa per niente)

Una devota parrocchiana volle dire una messa in memoria della buonanima di suo marito e si recò dal parroco che, come offerta per la messa, chiese  la somma di 1000 lire

Dopo la messa il prete  fu preso dall’impellente bisogno di orinare. Si precipitò fuori dalla chiesa correndo verso il primo albero a disposizione e lì fece pipì…

In quel momento si trovò a passare una guardia che accortasi del prete che “orinava in pubblica piazza” gli contestò una multa di 1000 lire.

Il parroco pagò la multa ed esclamò contrariato “Ame rette a messe ‘o cazz , motto che da allora viene usato  per riferirsi ad un lavoro, o un’ azione,  fatti inutilmente, senza ricavarne, o risolvere, alcunchè.

novembre 13th, 2011

Daniele Sportelli, Lonia Netti e Pierpaolo Tateo. 3 proverbi putignanesi a viva voce.

La prima novità che vi proponiamo è una strepitosa “video enciclopedia” dei proverbi putignanesi. 

Lonia Netti , Pierpaolo Tateo e Daniele Sportelli hanno accettato con entusiasmo di dare vita al progetto, aggiungendo consigli utilissimi . Tutte le registrazioni sono state fatte in pochi minuti, e quasi sempre alla “prima botta”, senza bisogno di ripetere,

Pubblicheremo i video con una certa periodicità e se avremo “perseveranza”  Putignano avrà una “enciclopedia video” di proverbi,  prima che vadano persi nell’uso e nella memoria.

Vi auguriamo buona visione invitandovi a segnalare proverbi dimenticati e gustosi . Se poi avete i nonni o gli zii che sono attori nati e sanno declamare in dialetto, fateci un fischio e aggiungeremo alla nostra “enciclopedia” una sezione di nuovi video che avranno i lettori come protagonisti.

Claudio Loliva

novembre 13th, 2011

A corredo della seconda lezione di videoproverbi c’è da dire che ci sono alcune imprecisioni nella trascrizione del dialetto. Purtroppo non siamo ancora molto esperti del programma che usiamo per i video e non riusciamo a scrivere gli accenti, cediglie, dieresi ecc.  che servono a esprimere le sfumature del linguaggio. Se notate altri  errori di trascrizione del dialetto segnalateceli pure. Provvederemo a correggerli.