marzo 20th, 2012

Il consigliere comunale Rossana Delfine e Magda Terrevoli  ai microfoni di canale 7

Stamattina Martedì 20 Marzo  nella sala consiliare del comune di Putignano la consigliera Rossana Delfine  ha presentato  la raccolta di firme a sostegno dell’iniziativa di legge popolare per introdurre la doppia preferenza uomo/donna nell’attuale legge elettorale regionale.

Lo scopo della legge è favorire l’equilibrio  uomo donna nell’elezione del Consiglio e del presidente della Regione.
Occorrono 15.000 firme raccolte su tutto il territorio pugliese.
Presente alla conferenza anche Magda Terrevoli portavoce del comitato regionale.  Rossana Delfine ha dato appuntamento ad una prossima riunione da tenere a fine Marzo tra quanti , uomini e donne, vorranno sostenere  attivamente la raccolta di firme. La campagna a favore della proposta di legge è sostenuta anche dall’associazione “Maschile Plurale”

La proposta di legge prevede che: in ogni lista per l’elezione al Consiglio regionale nessuno dei due sessi può essere rappresentato in misura superiore al 50%, pena la non ammissibilità della lista, in tutti i programmi di comunicazione politica deve essere assicurata la presenza paritaria di candidate/i di entrambi i sessi, così come nei messaggi autogestiti, dove deve essere messa con pari evidenza la presenza di candidate/i di entrambi i sessi nella lista presentata dal soggetto politico che realizza il messaggio.

Inoltre, si possono esprimere uno o due voti di preferenza: se si esprimono due preferenze, queste non possono riferirsi a candidati/e dello stesso sesso. E se si esprimono due preferenze per candidate/i dello stesso sesso, la seconda preferenza è nulla

La raccolta firme – con le medesime formalità dei referendum – terminerà il 2 settembre 2012, ma tutti i moduli con firme autenticate e certificate devono essere consegnati al comitato promotore entro il 31 luglio 2012.

marzo 13th, 2012

Venerdì 16 marzo  alle ore 17,30, consiglio comunale. All’ordine del giorno anche le interpellanze presentate dalla Lista Nino Rossi che chiede al sindaco chiarimenti su progetto del teatro comunale e viabilità

 

Tra gli altri punti all’ordine del giorno del prossimo consiglio comunale ci sono due interpellanze della Lista Rossi su Teatro, segnaletica, viabilità.

Sul teatro il sindaco risponderà alle seguenti domande

-  A che punto è la variante al progetto iniziale;

- Se il nuovo progetto esecutivo prevede un aumento dei costi di realizzazione rispetto a quelli preventivati nel 2006;

- In caso di aggravio dei costi a quanto ammonta la spesa complessiva sostenuta per la realizzazione dello stesso:

-Quando si prevede la consegna del Teatro Comunale;

- Se la giunta comunale e l’assessore al ramo hanno già qualche proposta circa la gestione del nuovo teatro comunale;

 

Sulla viabilità le domande sono

 

- Quando sarà realizzato il rifacimento della segnaletica orizzontale nel centro abitato;

- Se l’Amministrazione prevede di adibire nuove aree a parcheggio;

-Se e quando sarà realizzato un piano della viabilità e del traffico del Comune di Putignano.

- Quanto e’ stato incassato dalle infrazioni nell’anno 2011 e come sono stati spesi i soldi.

(Da sinistra Pignataro, Sportelli e Rossi della Lista Rossi. In primo Piano Elio Cuomo)

 

Gli altri punti all’ordine del giorno sono:

 

-“Giorno della Memoria” L.N. 211 del 20.07.2000 e “Giorno del Ricordo” L.N. 92 del 30.03.2004. Commemorazione.

-Ratifica delibera di G.C. n. 159 del 22.12.2011 ai sensi dell’art. 5 comma 5 – del Regolamento per la costituzione della Consulta Giovanile. – Approvazione.

-Programma di Edilizia Residenziale Pubblica presentato dalla società “Savio Costruzioni s.r.l.” con sede legale in Putignano (BA) alla via A. Gramsci, 23/B, da realizzare nel piano di lottizzazione “PL/7” della zona “B1”. Accettazione della cessione gratuita dell’area disposta dalla predetta società in favore del comune di Putignano ed approvazione del relativo schema di atto di cessione.

-Programma di Edilizia Residenziale Pubblica presentato dalla società “Savio Costruzioni s.r.l.” con sede legale in Putignano (BA) alla via A. Gramsci, 23/B, da realizzare nel piano di lottizzazione “PL/7” della zona “B1”. Accettazione della cessione gratuita dell’area disposta dalla predetta società in favore del comune di Putignano ed approvazione del relativo schema di ri-assegnazione e convenzione.

-Accettazione della cessione bonaria a titolo gratuito di un’area pubblica ricadente nel comparto “PL/A” della zona omogenea “C2” di P.R.G.

-Variante al Piano di Lottizzazione del comparto PL/L in zona omogenea di espansione C 3.1 del P.R.G. – Adozione.

-Domanda relativa alla definizione degli illeciti edilizi presentata dal sig. Luisi Luigi, per opere costruite su aree sottoposte a vincolo. Parere.

- Domanda relativa alla definizione degli illeciti edilizi presentata dalla sig.ra Labate Angela Antonia, per opere costruite su aree sottoposte a vincolo. Parere.

 

gennaio 4th, 2012

 

 

 

I quartieri di San Pietro Piturno, Putignano 2000 e CentroStorico avranno il loro vigile di quartiere.

 

Una presenza giornaliera a disposizione dei cittadini per garantire il rispetto della legalità

 

 

Giovedì 29 dicembre  ha preso  il via il progetto del “ Vigile di quartiere”,  approvato nella giunta comunale  venerdì 23 dicembre su proposta dell’assessore Dino Angelini e del comandante dott.ssa  Scalini. Il nuovo servizio prevede la presenza costante di una pattuglia dei vigili urbani in tre zone di Putignano : quartiere San Pietro Piturno; Putignano 2000; centro storico.

 

Nei primi due quartieri, sarà presente ogni giorno l’auto/ufficio dei vigili urbani che si fermeranno nella zona a disposizione delle esigenze dei cittadini. Ci sarà anche il pattugliamento a piedi per tre giorni la settimana e  per 2 ore la mattina e due ore nel pomeriggio. Nel centro storico, invece, ci sarà un vigile  a tempo pieno, e avrà la sua postazione presso l’ufficio URP in via Roma. Il nuovo servizio, non presenta costi aggiuntivi  al bilancio pubblico, e  rientra nei ruoli ordinari della Polizia Municipale.

 

Sull’iniziativa vi proponiamo  una mini video intervista dell’assessore alla Polizia Municipale a ilgiornalediputignano.it

 

.


 

 

 

dicembre 23rd, 2011

 

Giovedì 22 dicembre nella sala consiliare prima riunione della nuova Consulta Comunale Giovanile.  Il presidente è Nicola (Niki) Sportelli eletto a maggioranza dai presenti (32). Nichi ha ottenuto 17 voti contro i 14 dell’altro candidato Michele Vinella .

I componenti della nuova consulta giovanile

 

Indicati dai partiti

 

Anna Castellana “Rifondazione Comunista”

 

Martina Colaprico,  SEL

 

Pasquale Mezzapesa,  Giovani Democratici Putignano

 

Leonardo Paolillo, Popolo della Libertà

 

Nicola Sportelli,  Lista Nino Rossi

 

 

Indicati dalle associazioni cittadine

 

Luca Aquilino,  Lega Nazionale Difesa delCane

 

Monica Basile, ASD Jungshin

 

Stefania Campanella,  ASD Samurai

 

Gianmarco D’Alessandro,  Trullando

 

Andrea D’Amico, Federconsumatori Putignano

 

Claudio D’Amico,  Associazione Orma

 

Massimo Delia,  CGIL Putignano

 

Jonathan Frittoli,  ScoutAgesci

 

Caterina Galeotti, Cittadinanza Attiva

 

Giuseppe Laera, Dangerfarm

 

Marinella Lorusso, S.Ol.Co. Onlus

 

Antonella Luisi,  Arca di Noè

 

Andrea Riccardo Miani,  OPER Protezione Civile

 

Gianluca Mignozzi,  Amatori ASD

 

Giuseppe Nardelli, Eco di Putignano

 

Ilario Parrotta, Ass. Culturale Primo Teatro

 

Raimondo Romanazzi,  ASDLa Palestra in Fitness

 

Vincenzo Santoro,  FPDS FIDAS

 

Gennaro Sannazzaro, Sport Five SRL

 

Marco Todisco UGL Unione generale del lavoro

 

Onofrio Todisco, New Time per lo sport e la cultura

 

Michele Vinella, La Quercia Sporting Club

 

 

 

Indicati dalle Scuole

 

 

Nicola Colapietro,  IPSSAR

 

David Genco, IPSIA

 

Vincenzo Morelli  ISS Majorana

 

Elisa Osella  ISS Majorana

 

 

Autocandidati

 

(senza tessera di partito o associazione)

 

 

Teresa Barletta,

 

Rosvania Dimasi,

 

Fabrizia Miani, 

 

Gianni Santoro 

 

Federica Sportelli

 

 

 

Altre informazioni utili  ed approfondimenti  su Il Giornale di Putignano in edicola la prossima settimana

 

 

dicembre 23rd, 2011

 

Sono ricominciati i lavori al Teatro Comunale.

ilgiornalediputignano.it vi propone una intervista al sindaco con le immagini dall’interno. Per ogni altro approfondimento Il Giornale di Putignano in edicola la prossima settimana

dicembre 16th, 2011

Per la notte dei falò  in onore di Santa Lucia l’Associazione culturale Porta Barsento guidata da Franco Antonacci  ha pensato di  mettere un testone di Berlusconi sulla sommità del Falò di Porta Barsento “a  simboleggiare il personaggio italiano che nell’ultimo anno più di  ha visto bruciare il suo  potere” . La trovata   ha scatenato un gran  putiferio.  Le critiche al Berlusconi al rogo sono piovute da tutte le parti politiche.  Alcuni indignati, altri  infastiditi, e altri che, pur criticando il fatto, non hanno perso  il senso dell’umorismo; come quel signore che ha detto:   “ Berlusconi come Santa Lucia? Non sapevo che l’avessero già fatto santo!”

Battute a parte il Berlusconi sul rogo  ha  rischiato di provocare anche qualche  reazione scomposta. Dopo le critiche e le proteste, lunedì  12,  siamo passati da Porta Barsento per vedere la situazione  e abbiamo trovato Antonacci intento a  telefonare ad un suo amico per smontare il testone.  Dopo poco sono arrivati i vigili che su ordine  del sindaco de Miccolis  hanno chiesto di  togliere il pupo  per una “questione di ordine pubblico”. In quel mentre è arrivato il consigliere Valentini che ha esternato un po’ troppo forse scaricando la tensione accumulata da quando il testone era stato montato.

Vi proponiamo il video del “duello sotto il falò”.  Naturalmente  vi invitiamo a considerare  la  discussione e le parole sotto la giusta  luce.  Si trattava di un momento di tensione particolare ed è volata qualche parola di troppo. Alcune le abbiamo cancellate con un rumor di piatti rotti .  Non so cosa ne pensate  di questo  video. Personalmente sono  tra quelli che pensano che la trovata di mettere  Berlusconi sul falò sia stata una stupidaggine,  ma resto aperto alla discussione. Così come penso pure che sia inaccettabile il linguaggio usato da Valentini e che il consigliere  abbia perso un’ occasione per  mettere da parte il suo “carattere sanguigno” e farsi una normale discussione con Antonacci.  Tanto ormai il pupo era stato  smontato e si poteva parlarne con più serenità .

Claudio Loliva

dicembre 6th, 2011

Il sindaco de Miccolis invia copia dei verbali relativi all’ultimo consiglio comunale con le risposte alle interpellanze presentate da Lista Rossi, Pdl e Centro Città.

(Prima di passare al testo vi alleghiamo questa breve  comunicazione ricevuta pochi minuti fa, che riguarda tutt’altro argomento.

Le date dei saldi  

L’ufficio al Commercio del Comune informa gli Operatori al commercio al dettaglio a posto fisso nonché la cittadinanza, che la Giunta Regionale  ha stabilito,  per l’anno 2012, i periodi di seguito riportati in cui saranno effettuate le vendite dei saldi di fine stagione:

Invernali: dal 05 Gennaio al 28 Febbraio

Estivi: dal  07 Luglio    al 15 Settembre)

 

 

Ecco le interpellanze e le risposte del sindaco

Il testo è moooolto lungo  ma lo pubblichiamo ugualmente  a futura memoria.

 

 

Opera Pia

 

Punto n. 1: “Interpellanza presentata dal gruppo consiliare “Lista Nino Rossi” in data 22.11.2011 protocollo n. 49868, relativa all’opera pia conservatorio Santa Maria degli Angeli”.

 

PRESIDENTE

Prego il Consigliere Nino Rossi di illustrare per 5 minuti l’interpellanza.

Consigliere ROSSI

Il decreto legislativo del 5 maggio 2001 n. 207 adottato in attuazione della delega di cui alla legge 328/2000 rubricato riordino del sistema delle istituzioni pubbliche di assistenza e beneficenza a norma dell’articolo 10 della legge 8 novembre 2000 n. 328, era necessario che l’opera pia conservatorio Santa Maria degli Angeli con sede in Putignano nel rispetto delle originarie finalità statutarie venisse trasformata in azienda pubblica di servizi alla persona o in associazione e fondazione di diritto privato.

L’IPAB di Putignano visto che aveva i requisiti richiesti per la trasformazione in ASP (Azienda Pubblica di Servizio alla Persona), ma non aveva nello statuto gli scopi sociali “casa di riposo”, per tale trasformazione e considerato che la mancanza di tale attività avrebbe permesso l’incorporazione di tutto il patrimonio con le altre IPAB periferiche, il Presidente del consiglio di amministrazione dell’epoca per non interrompere il servizio della scuola materna paritaria e del doposcuola alla comunità putignanese e per non disperdere il patrimonio immobiliare ad altri comuni, ritenne opportuno convincere l’assessorato ai servizi sociali regionale alla trasformazione in fondazione con precisi scopi sociali che si evincono dall’articolo 3 e dall’articolo 5 dello statuto dell’IPAB stessa.

Il 15 febbraio 2011 si è insediato il nuovo CDA composto da: Console Pietro, Sportelli Alessio, Carella Vito, Mignozzi Giovanni ed Albanese Luigi.

Chiedono i Consiglieri Comunali se risulta essere vero che il Presidente ha incontrato le maestre anticipando la chiusura delle classi e la possibilità di fare gestire tali classi ad una cooperativa? Se esiste una delibera del CDA che prende una posizione in merito? Se dall’ultimo bilancio approvato c’è un utile o una perdita? Se esiste ed a quanto ammonta l’indebitamento dell’ente? Ed a quanto ammonta la liquidità di cassa? Quali sono gli indirizzi programmatici nel rispetto degli scopi sociali dell’ente che il nuovo CDA intende attuare nei prossimi anni?

 

PRESIDENTE

Grazie Consigliere Rossi. La parola al Sindaco che ha diritto di illustrare per 5 minuti, mi chiedeva un po’ di tolleranza perchè i punti sono numerosi. Prego Sindaco.

 

SINDACO

Grazie Presidente. La fondazione oggi – la chiamo così perchè oggi è fondazione anche se è recente la sua trasformazione – per cui comprendiamo tutti che parliamo del conservatorio Santa Maria degli Angeli. Tutte le IPAB potevano trasformarsi in ASP o in fondazioni. Le ASP erano una sorta di Azienda di Servizio Pubblico, per  la  quale  era previsto un trattamento di favore da parte della Regione,  anche nel conferimento degli appalti; a riguardo  la nostra IPAB aveva tutte le carte in regola per trasformarsi in ASP. La scelta fatta dal Consiglio di Amministrazione,  in assoluta autonomia,  è stata quella di trasformarsi in fondazione. Quindi, non è vero che non poteva trasformarsi in ASP, come non è vero che si è dovuto convincere l’Assessorato competente. Questa è stata una libera scelta del Consiglio di Amministrazione   della IPAB, successivamente condivisa dall’Amministrazione Comunale che ne ha preso atto ed ha approvato la bozza dello statuto con propria delibera di Consiglio Comunale tenendo conto che  la trasformazione in fondazione era una possibilità prevista dalla legge regionale. Personalmente,  mi sono attivato, ho accompagnato il Presidente della fondazione Vito Papanice in Regione perchè tale richiesta venisse evasa nei tempi più rapidi.

Gli scopi dello statuto attuale, che ricalca in buona parte quello precedente, in conformità  alle disposizioni previste  dalla legge regionale, nonché  allo statuto originario del 1600, cioè le cosiddette tavole fondative; inoltre, in base all’articolo 3 dello statuto attuale è previsto  , 1) l’educazione delle orfanelle,2) l’ospitalità e il mantenimento per i minori, 3)  l’ospitalità ad anziani autosufficienti, 4) sostegno e recupero di soggetti svantaggiati soprattutto minori. Questo è quello che recita l’articolo 3 dell’attuale statuto, che  prosegue dicendo: “scopi ulteriori – quindi, quelli che ho appena elencato sono quelli primari – sono: la gestione di asili nidi, scuole e ludoteche”. Quindi, parte dell’assunto iniziale non corrisponde a vero.

L’ultimo bilancio approvato  è relativo al periodo successivo alla trasformazione in fondazione, quindi, è relativo al secondo semestre dell’anno 2010, che è stato approvato in data 30 aprile 2011. Il Consiglio di  Amministrazione  si è insediato, come già detto  in data 15 febbraio 2011,  ed  ha approvato il bilancio relativo al secondo semestre dell’anno 2010 per attività che sono state espletate e svolte dal precedente consiglio di amministrazione.

Reca in modo sintetico, ovviamente, lo dico, entrate per 105 mila euro, uscite per 103 mila euro, con un saldo al netto delle tasse per 684 euro. Le entrate sono costituite in grande parte da fitti, per circa 74 mila euro, le uscite, invece, sono costituite totalmente dai costi di gestione della scuola di infanzia per circa 99 mila euro. Mi riferisco sempre al secondo semestre 2010.

Ad oggi non esiste alcun indebitamento della fondazione conservatorio Santa Maria degli Angeli. Il Consiglio di amministrazione, appena insediato, in data 15 febbraio, è vero che ha trovato, come è stato più volte illustrato dal Presidente uscente, Vito Papanice agli organi di stampa, è vero che ha trovato in cassa 45 mila euro, ma contestualmente, anche se questo  non emergeva da nessuna intervista pubblica, ha trovato debiti risalenti addirittura al ’99, quindi, somme non pagate relative a ristrutturazioni e altro, per 37 mila euro. Oltre a dover affrontare i costi di gestione. La scuola di infanzia, questo è nodo centrale della interpellanza, è stata gestita sin dall’inizio (mi riferisco al momento successivo all’allontanamento delle suore) , ricordando  che prima c’erano le suore che gestivano l’asilo, con una notevole economia perchè le stesse suore non avevano uno stipendio diretto; uno dei primi atti del presidente Papanice fu l’allontanamento delle suore. La scuola di infanzia è stata gestita, quindi, sin dall’inizio con personale assunto con contratti di collaborazione. Anche per tutta la durata della gestione del precedente Consiglio di Amministrazione, il personale dipendente era assunto con contratto di collaborazione. A novembre del 2010, quando  era certo che ci sarebbe stato a breve l’avvicendamento della gestione, il Consiglio di amministrazione trasformava i contratti del personale – 15 sono i dipendenti della fondazione – per ben 13 delle unità lavorative, undici persone con una assunzione a tempo determinato, quindi da contratto di collaborazione ad assunzione a tempo determinato e due persone da contratto di collaborazione ad assunzione a tempo indeterminato,  mi riferisco  al custode e la dottoressa Troilo,  nuora dell’ex presidente Vito Papanice nel ruolo di coordinatrice. Funzione questa non richiesta dalle norme vigenti sul funzionamento delle scuole di infanzia, perchè la scuola di infanzia del conservatorio Santa Maria degli Angeli ha solo 3 sezioni e la coordinatrice, invece, è prevista per scuole che abbiano un numero maggiore di sezioni.

Tale trasformazione del rapporto di lavoro ha determinato un innalzamento dei costi del personale che da 148.725 euro accertati nell’anno scolastico 2009/2010 è passato nell’attuale anno scolastico a 240.318 euro – con un aumento di oltre cento mila euro – con una perdita netta derivante dai soli costi della gestione della scuola di infanzia di circa 98 mila euro. Tale situazione economica ha costretto il Consiglio di Amministrazione attuale ad effettuare delle verifiche al fine di  preservare il patrimonio che da tempo immemorabile, ovviamente, è stato costituito per raggiungere e garantire il perseguimento degli scopi sociali che, come già detto, non sono certamente la gestione della scuola di infanzia, ma il sostegno ai minori in situazioni di disagio.

La scuola di infanzia oggi produce perdite ingenti nelle modalità di gestione impostate dal precedente Consiglio di Amministrazione che nelle sue ultime deliberazioni ha trasformato, come dicevo, il rapporto di lavoro dei dipendenti e per tale motivo, in modo responsabile,  l’attuale Consiglio di Amministrazione, dovendo eliminare la fonte delle perdite per garantire la persistenza del patrimonio per garantire gli scopi sociali e non volendo interrompere le attività della scuola di infanzia che, anzi, con le modifiche introdotte in questo anno scolastico, quello iniziato a settembre, ha incrementato le iscrizioni ed, anche per andare incontro al personale dipendente ,  ha avviato dei contatti  con gli stessi dipendenti  proponendo  loro  di associarsi in cooperativa con l’impegno di cedergli gratuitamente per 2 anni i locali dove viene esercitata l’attività, le attrezzature e la titolarità della stessa scuola di infanzia. Ed è ancora in attesa di ricevere risposte.

Ad oggi non esiste alcuna delibera del consiglio di amministrazione in tale senso, cioè relativa alla chiusura della scuola, o alla concessione, o altro, non esiste alcuna delibera del Consiglio di Amministrazione relativa a questo oggetto  perchè si è in attesa di conoscere le volontà dei dipendenti medesimi. Ma con certezza, a breve, nel rispetto delle norme vigenti sia per la fondazione,che non può produrre perdite,  e  nel rispetto delle norme regolatrici delle scuole private che prevedono  entro il mese di gennaio e  febbraio l’invio delle  comunicazioni al  provveditorato  del POF e  di quant’altro richiesto, ed in detta circostanza dovranno essere assunte le decisioni che hanno per obiettivo l’eliminazione della fonte delle perdite e garantire anche il mantenimento dell’attività didattica. Obbligo giuridico persistente, oltre che obbligo morale, è quello di preservare il patrimonio che è della cittadinanza tutta di Putignano, al di là dell’inserimento nel patrimonio della fondazione conservatorio Santa Maria degli Angeli che, ricordo, esiste dal 1600 per volontà di una donna che in modo illuminato ha voluto garantire alle orfanelle di Putignano istruzione per sottrarle alla prostituzione. Quindi, obbligo di ogni Consiglio di Amministrazione responsabile è quello di trasmettere il medesimo patrimonio, anzi, possibilmente arricchito ai nostri figli perché possano essere raggiunti gli scopi sociali per cui è stata fondata la fondazione conservatorio Santa Maria degli Angeli.

 

 Fondazione Carnevale

 

Punto n. 2: “Interpellanza presentata dal gruppo consiliare “Lista Nino Rossi”, in data 22.11.2011 prot. n. 49869, relativa alla Fondazione Carnevale di Putignano”.

 

PRESIDENTE

La parola al Consigliere Vito Sportelli per illustrare l’interpellanza.

 

Consigliere Vito SPORTELLI

Il sottoscritti: Sportelli Vito, Rossi Damiano, Pignataro Giovanni Pietro, Consiglieri Comunali della “Lista Nino Rossi”; premesso che con delibera del Consiglio Comunale n. 100 del 29/12/2009 avente ad oggetto: modifica Statuto Fondazione Carnevale di Putignano, proposta ai sensi dell’articolo 9 dello statuto vigente, approvazione, il Consiglio Comunale ha approvato il nuovo statuto della Fondazione Carnevale di Putignano.

Con delibera di Giunta n. 11 febbraio 2010 la Regione Puglia ha aderito  dopo aver preso atto dello statuto della Fondazione Carnevale di Putignano alla Fondazione stessa in qualità di partecipante fondatore.

Con delibera del Consiglio Comunale n. 24 del 29/04/2010 avente  ad oggetto: modifica statuto della fondazione carnevale di Putignano approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 100 del 29/12/2009, approvazione, il Consiglio Comunale ha approvato alcune modifiche suggerite dalla Regione Puglia.

Il 13 ottobre 2010 è stato nominato il nuovo Consiglio di  Amministrazione  della Fondazione Carnevale di Putignano in sostituzione di quello  nominato il  2 dicembre 2009 e presieduto dal dott. Giancarlo Di Paola.

In data 21 ottobre 2010, con proprio Decreto  il Sindaco di Putignano ha provveduto a nominare Giuseppe Genco Presidente, Giuseppe Lopriore e Gianni Mastrini quali componenti indicati dall’Amministrazione Comunale.

In data 17 novembre il direttore artistico appena licenziato ha inviato una lettera ai giornali evidenziando alcune criticità al Sindaco e al Presidente della Fondazione Carnevale.

I sottoscritti consiglieri chiedono: se è stato redatto e presentato il bilancio consuntivo dell’edizione 2011, 2010 e 2009 ed in quale data? Se in base a quanto descritto nell’articolo 19.4 dello Statuto Fondazione Carnevale lo stesso è stato sottoposto a verifica, secondo le modalità descritte dall’articolo 8.6? A quanto ammontano i debiti e le eventuali perdite di esercizio della Fondazione   Carnevale di Putignano? Se sono state saldate pendenze con i propri creditori e se sono stati saldati i primi  cartapestai, gruppi mascherati e maschere di carattere? A quanto ammontano gli introiti relativi al pagamento pedaggio delle aree di accoglienze e parcheggi inerenti alla chiusura del traffico in occasione delle sfilate del carnevale 2011? Quali i criteri con cui è stato selezionato il personale addetto alla accoglienza, riscossione pedaggio per la manifestazione del carnevale anno 2011? Con quali criteri erano valutati i preventivi di spesa per la manifestazione del carnevale anno 2011? Con quali criteri sono stati valutati i gruppi mascherati visto che, come dice lo stesso direttore artistico nella sua lettera, la giuria era composta da persone impegnate in compiti incompatibili con quello di osservatore? Come mai l’incarico pro-tempore dell’Assessore Giuseppe Genco in qualità di Presidente della Fondazione Carnevale non è ancora cessato? Quando il primo cittadino nominerà il nuovo Presidente della Fondazione Carnevale di Putignano?  Grazie Presidente.

 

PRESIDENTE

Grazie Consigliere. La parola al Sindaco.

 

SINDACO

Grazie Presidente. Preciso che il Direttore Artistico non è stato licenziato in quanto il contratto sottoscritto liberamente tra la Fondazione e il Direttore Artistico iniziava il 1° dicembre 2010 e prevedeva sin dal suo inizio una conclusione, come tutti i contratti, per il 31 ottobre 2011 per il compenso di 39.500 euro lordi. Anche qui una precisazione sui presupposti della interpellanza. Ex articolo 19 dello Statuto vigente: il primo bilancio consuntivo è relativo al periodo 1° luglio 2009- 31 dicembre 2010, ed ex articolo 15, sempre dello Statuto vigente, avrebbe dovuto essere approvato entro il 30 aprile 2011 ed inviato al comune entro il successivo 15 maggio 2011. Ma per via della sovrapposizione con la definizione del bilancio e del progetto cantieri creativi, che ha consentito di realizzare investimenti immateriali per 572 mila euro circa,  che richiedeva una sovrapposizione di più contabilità (racchiuse nell’unico bilancio della Fondazione Carnevale) il bilancio consuntivo della Fondazione per il periodo 1° luglio 2009 e 31 dicembre 2010 è stato approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 29 luglio 2011. Il bilancio consuntivo 2011, invece, sarà approvato entro il 30 aprile 2012.

Lo statuto non è stato ancora sottoposto a verifica  nonostante si prevedesse già nell’ultimo articolo che a distanza di un anno si sarebbe fatto un riscontro del  funzionamento dello Statuto; ad oggi non è stato ancora sottoposto a verifica tenuto conto che, per diverse motivazioni, lo stesso  non è stato ancora attuato completamente. Per esempio non è stato ancora costituito il comitato di indirizzo.

Questo periodo di prima applicazione, di circa un anno e mezzo ormai, ha evidenziato che occorre effettuare delle modifiche e delle precisazioni, ma è opportuno dare prima esecuzione interamente allo Statuto così come è stato modificato.

Dall’esame del  bilancio consuntivo al 31 dicembre 2010 si evidenzia una perdita di esercizio di 13.684 euro. Per la verità tale perdita risulta molto modesta  rapportata a quelle documentate in  passato;  per esempio nel 2003, vi era una perdita di circa 30 mila euro, nel 2002 una perdita di circa 51 mila euro, anche in considerazione, tra l’altro, della circostanza che questo bilancio è relativo ad un periodo di 18 mesi anziché 12.

Nel 2011 sono state saldate tutte le premialità previste per i cartapestai, gruppi mascherati, carri di seconda, maschere di carattere relative anche agli anni pregressi e per la prima volta si è proceduto al pagamento di tutti i premi nell’anno in corso relative alla manifestazione del medesimo anno. Sono stati saldati, altresì,  anche tutti i creditori che, a titolo vario, erano rimasti tali, cioè creditori della Fondazione. Sono ancora pendenti alcune definizioni perchè vi sono accertamenti in corso, tra questi alcuni di carattere  giudiziario. Le entrate relative ai parcheggi obbligatori a pagamento sperimentato per la prima volta nella manifestazione di  questo anno risultano  pari ad 82.515 euro.

La domanda a cui rispondo ora è: con quale criterio è stato selezionato il personale addetto all’accoglienza e riscossione? Con criteri di efficienza e fiducia valutati in totale libertà e responsabilità dalla società affidataria  di questo servizio e  di quello della raccolta pubblicitaria,  cioè la società Rosatea di Conversano.

Normalmente – e così ancora rispondo alla domanda: con quali criteri venivano valutati i preventivi di spesa per le manifestazioni del carnevale anno 2011? – per le forniture di beni e di servizi sono stati richiesti nell’anno 2011 preventivi ad almeno 3 ditte  con conseguente selezione   del Consiglio di Amministrazione dell’ offerta che presentava il preventivo più basso.

Con quali criteri sono stati valutati i gruppi mascherati?

La giuria dei gruppi mascherati era composta dalle seguenti persone: prof.ssa Angela Mastrangelo, Giuseppe Nardelli, Vito Mastrangelo,  persone che hanno partecipato a tutte le sfilate ed hanno, a vario titolo, competenze specifiche nell’ambito artistico e carnevalesco. La valutazione di incompatibilità è esclusiva,  personale,  del direttore artistico  mentre  la nomina della giuria è competenza del consiglio di amministrazione.

Con quali criteri venivano valutati i preventivi di spesa per la manifestazione del carnevale?

Ho già risposto prima.

Come mai l’incarico pro-tempore dell’Assessore Giuseppe Genco in qualità di presidente della Fondazione non è ancora cessato?

Tutti gli incarichi sono pro-tempore,  a cominciare da quello del Sindaco,  del  Consigliere Comunale e così anche quello di Presidente della  Fondazione Carnevale, con la precisazione che ho più volte ripetuto, relativa alla specifica qualità di Giuseppe Genco che è Assessore Comunale alla Cultura,  a cui ho chiesto espressamente di provvedere alla organizzazione delle manifestazioni relativa all’anno 2011 e di preoccuparsi primariamente del risanamento della situazione economica che mostrava, alla data del conferimento dell’incarico,  una serie di criticità. Per quanto riguarda la nomina del nuovo Presidente, vi provvederò non appena matureranno le condizioni.

 

 Fondazione Carnevale 2

 

Punto n. 3: “Interrogazione presentata dai Consiglieri appartenenti ai gruppi consiliari PDL e “Centro Città”, in data 24 novembre 2011 prot. n. 50332 relativa alla situazione della fondazione carnevale”.

 

PRESIDENTE

Prego Consigliere Valentini.

 

Consigliere VALENTINI

Presidente, mi dia il permesso,  cortesemente, prima di leggere l’interpellanza, di offrire la solidarietà del gruppo del Popolo per la Libertà all’Assessore Campanella, e sottolineare come questo  atto gravissimo che attacca le Istituzioni, che una certa fascia della società cerca di delegittimare, quando si fa dell’ antipolitica, che è invece l’asse portante di una società. Comunque, sono contento che si convochi il tavolo provinciale della sicurezza perchè questo episodio fa il pari, non dimentichiamolo, all’incendio ai camion della Lumina nel 2009, quindi, non è un episodio isolato; questo fatto a Putignano si ripete 24 mesi dopo, quindi, è giusto che le forze dell’ordine tutte a cui va sempre il nostro appoggio, si interessino perchè io avevo chiesto di interessare il Comitato Provinciale della Sicurezza già da quel grave episodio; un attacco alle Istituzioni è molto più grave. Quindi, Sindaco, vigili attentamente nella riunione con il Prefetto, con gli Organi competenti a Bari,  su questa situazione perché Putignano deve rimanere quello che è sempre stato: un paese tranquillo. Grazie.

Leggo l’interpellanza. E’ molto semplice, ci sono solo tre quesiti, non tecnici.

I sottoscritti Consiglieri Comunali: Valentini Aldo Vito, Giannandrea Domenico, Genco Ubaldo, Totaro Stefano e Cuomo Elio interrogano la Signoria Vostra circa la situazione della Fondazione Carnevale.

Tenuto conto dell’imminente inizio della manifestazione, considerato che i sottoscritti esclusivamente per senso di responsabilità non hanno investito altre Istituzioni, leggasi il TAR, al fine di chiarire la posizione conflittuale che l’Assessore Genco ha nel rivestire la carica di Presidente della Fondazione  tenuto conto, altresì, che  la rimozione del direttore artistico ha provocato una delazione dello stesso inquietante ed allarmante e considerato che con lettera pubblica Egli ha denunciato la presenza di malaffare nella gestione della manifestazione del nostro carnevale.

Alla luce di tutto ciò manifestiamo la nostra preoccupazione per la riuscita della manifestazione che, tra l’altro, in momenti così critici per l’economia nazionale costa ai cittadini più di 450 mila euro, in ordine ai quali non vi è alcun controllo di spesa, considerato che noi Consiglieri Comunali di minoranza non prendiamo visione di nessuno rendiconto da ben 3 anni.

Pertanto chiediamo alla Signoria Vostra una relazione pubblica nella prima seduta utile del Consiglio Comunale affinchè ci si renda conto se, come purtroppo temiamo, anche questo anno a fronte di un così gravoso impegno economico dovremo assistere ad una deludente manifestazione carnevalesca. Grazie.

 

PRESIDENTE

Grazie Consigliere. La parola al Sindaco.

 

SINDACO

Mi astengo su ogni tipo di risposta in relazione alle compatibilità o incompatibilità del Presidente che svolge anche il ruolo di Assessore, perchè ne parlo nella prossima interpellanza, quindi, probabilmente è inutile ripetere tante volte la stessa cosa.

Per quanto riguarda alla vera e propria domanda, perchè la maggior parte sono considerazioni, comincio dalla semplice lettura di quello che ho dichiarato ad un giornale locale che mi ha fatto l’apposita specifica domanda dopo la diffusione della lettera del direttore artistico Carlo Bruni; brevissimi stralci.

Penso che questa lettera sia frutto di una illusione e disillusione conseguente al mancato rinnovo del contratto. Ogni contratto ha un inizio ed una fine che era nota sin dal momento della stipula. Mi spiace per la lunga elencazione di fatti artatamente detti a metà, detti in modo da favorire interpretazioni di collusione e gestione di tipo clientelare che emerge dalla lettura del testo di Carlo Bruni, laddove,  invece, proprio lo stesso Direttore Artistico che, dal novembre 2009  ad ottobre  2011, ha diretto  la gestione del carnevale è assoluto testimone della libertà di cui ha goduto nell’esercizio delle funzioni attribuite. Del resto l’individuazione della sua persona, come già detto, dipende dal sottoscritto e la responsabilità me la prendo tutta intera,  proviene da me. Allora, il quesito è relativo alla preoccupazione se si potrà e come si potrà realizzare la manifestazione carnevalesca  dell’anno 2012, accompagnata dall’ aggettivo “deludente” relativo alle manifestazioni passate.

Evidenzio con la messa a disposizione di questi volumi come mai si è potuto verificare una ricchezza tale di rassegna stampa sulle attività svolte dal carnevale di Putignano e quindi, dalla sua Fondazione,  come quella che si è realizzata nell’anno 2011. Sono volumi di rassegna stampa, che sono ovviamente a disposizione, di proprietà della Fondazione Carnevale,  a disposizione di tutti;  questo a conferma che assolutamente non si può parlare di deludenti manifestazioni degli anni passati che, invece, sia in termini di eventi di ricchezza per i  numerosi  partecipanti che per la molteplicità dei carri, esprime la positività degli interventi , nonostante le innegabili difficoltà  che hanno caratterizzato l’ introduzione del nuovo Statuto. Difficoltà che sono connesse ad una difficile opera di rinnovamento della gestione del nostro carnevale che è il patrimonio non della Fondazione ma dell’intera collettività putignanese. Che poi, tanto deludenti non siano le manifestazioni del carnevale negli anni passati, compresa l’edizione 2011,  non è necessario che lo dica io, ma lo testimonia questa targa che è stata assegnata alla Fondazione Carnevale di Putignano dal Ministero per i Beni Culturali nel momento in cui ha ritenuto di inserire, unico carnevale in Italia, il Carnevale di Putignano come bene immateriale dell’intera nazione, solo dopo aver effettuato studi ed osservazioni sulle modalità organizzative e gestionali dello stesso. Sempre proseguendo in questa stessa linea non do la lettura di questa lettera che è pervenuta dalla amministrazione di Goch, città della Germania del nord,  dove un gruppo carnascialesco della città di Putignano si è recata nel mese di febbraio dello scorso anno, che è stato ospitato a Putignano per il Carnevale Estivo ha inviato, sperticandosi in ringraziamenti ed elogi sia per le capacità organizzative della manifestazione e, scusate, se queste cose le dicono persone che vengono dalla Germania posta ad esempio delle capacità organizzative e chiedono, nel contempo,  di poter rendere stabile, con incontri  a cadenza biennale, gli scambi che si sono verificati nell’anno 2011.

Per quanto attiene, con lo scopo di fugare i dubbi emersi sulle capacità di realizzare il carnevale del prossimo anno,  le manifestazioni dell’anno 2012, do lettura di quello  che è il bilancio preventivo delle manifestazioni che per mancanza di tempo non si è potuto portare alla attenzione dell’Amministrazione Comunale, che mi è stato fornito ovviamente dalla Fondazione. L’ultima volta che si è riusciti in questa sala per parlare di carnevale è stato il mese di ottobre 2009 e non tre anni fa.

L’edizione del carnevale 2011 ha segnato un momento di svolta e di realizzazione dei processi avviati già nel 2010, il concetto di festa è divenuto obiettivo primario ed è entrato nella programmazione puntuale dell’evento invernale e di quello estivo. Su questo concetto si gioca la partita di attrazione oltre le sfilate dei carri allegorici nei prossimi anni con l’allargamento dell’offerta in un periodo temporale più ampio e su targhet diversi. Molte le novità introdotte,tra queste, l’avvio di una serie di sperimentazioni e le conferme. Sulla comunicazione, si è programmata una più attenta e mirata campagna di comunicazione, a livello regionale e nazionale,  attraverso l’utilizzo degli strumenti sperimentali ed innovativi: laboratori, sviluppo del circuito didattico dedicato alle scuole, progetto OCA (Opificio Carnevale).

Partnership. Sono stati attivati i rapporti di parternariato con Istituzioni e privati in ambito turistico accordo con Tipica per la gestione comune delle attività turistiche e laboratori didattici e con la APT eventi gestiti in sinergia con il Teatro Pubblico Pugliese e Puglia Sound.

Allargamento compagine sociale. Sono in fase di chiusura le procedure per l’adesione della Provincia di Bari, oltre a quella  già nota della Regione Puglia, in attesa dell’esito riferito all’ Università di Bari e a due società private che hanno manifestato la loro volontà di adesione.

Promozione della cartapesta. E’ stato effettuato un accordo con Puglia Sound per la fornitura di elementi in cartapesta a supporto della campagna pubblicitaria della fiera Medimex, fiere della musiche del Mediterraneo a Bari presso la Fiera del Levante che si è appena conclusa dal 24 al 27 novembre 2011; fornitura della scenografia per l’evento moda svolto dalla Provincia di Bari il 6 agosto 2011 al Carnevale di Putignano.

Cantieri creativi. Completamento del progetto, rendicontazione e partecipazione a Napoli alle giornate di celebrazione in occasione dei 5 anni della costituzione della fondazione “Con il Sud”. Si attenda ora il saldo degli importi previsti a chiusura delle attività.

Gemellaggi. Dopo l’ottimo risultato del gemellaggio con Goch Germania sono in corso contatti con altre città ed organizzazioni legate al carnevale ed alla festa in genere.

Formazione. Uno degli impegni maggiori della gestione 2011 è stato quello di investire nella formazione di giovani attraverso specifiche operatività. Le unità coinvolte sono state in n. 4.

Progetti speciali. Merita particolare attenzione il progetto Marco Cavallo destinato all’inclusione ed alla partecipazione di gruppi di disabili. Il progetto è stato realizzato grazie all’impegno del consigliere della Fondazione Gianna Mastrini. Convegni, realizzazione e gestione del secondo convegno “Il Carnevale ed il Mediterraneo” in collaborazione oltre che con il comune di Putignano, con l’Università di Bari e l’Amministrazione Comunale. Punto di riferimento internazionale sugli studi relativi alle tradizioni popolari legate al  carnevale.

Servizi. E’ risultato ottimo l’esito della gestione dei parcheggi che già in fase di sperimentazione ha dato un risultato positivo in termini di servizio, organizzazione ed anche in termini economici. Ed ancora l’attivazione di un servizio informazione presidiato da operatori per circa 12 – 16 ore al giorno nelle settimane a ridosso o interessate dalle manifestazioni.

Per cui si può dire che il bilancio delle attività 2011 a chiusura delle stesse hanno fatto perno sulla forza di alcune innovazioni e nel prosieguo di una tradizione viva in grado di modificarsi senza tradire le proprie radici. Certamente sarà opportuno proseguire in modo organico e non è un fastidio, mi spiace,  se può essere percepito così, rispondere alle interpellanze, assolutamente, è un diritto ed è un dovere, è un diritto farle ed un dovere rispondere, segno di interessamento vivo ed attivo da parte, ovviamente, di tutti i Consiglieri Comunali. Quindi, mi spiace se posso dare l’impressione, o se ho dato l’impressione,  di essere infastidito. Certamente, questo non risponde al mio stato d’animo. Oggi è un giorno un po’ particolare, quindi, penso che ci sia una facile comprensione. L’argomento carnevale merita una discussione ben più articolata e non limitata a quello che è il tempo circoscritto delle interpellanze. Ora ne faremo anche un’altra, però, sicuramente, con un esame più approfondito di quelle che sono state le prime applicazioni del nuovo Statuto, si potrà avere un quadro più completo per esaminare nella assise ufficiale il tema carnevale.

 

 Fondazione Carnevale 3

 

Punto n. 4: “Interrogazione presentata dai Consiglieri appartenenti ai gruppi consiliari “Centro Città” e PDL in data 25 novembre 2011 prot. n. 50423 relativa alla situazione della fondazione di carnevale”.

 

PRESIDENTE

Prego Consigliere Cuomo.

Entra il Consigliere Pignataro. Presenti n. 21

Escono i consiglieri Valentini e Laera. Presenti n. 19

Consigliere CUOMO

 

Mi sia consentito prima di illustrare l’interrogazione anche da parte mia, dichiarare la solidarietà all’Assessore Saverio Campanella. Per la verità rimango fiducioso che le accurate indagini che, sicuramente, sono in corso, vadano a dimostrare che non si sia trattato di un atto doloso. A quel punto rimarrà per tutti quanti noi, sopratutto per Saverio Campanella soltanto il dispiacere ed il danno, magari di quello che è successo. Quindi, attendiamo gli esiti perché se così non fosse è chiaro che, è innegabile che oltre alla solidarietà dobbiamo tutti quanti dichiarare la nostra preoccupazione.

Chiusa questa parentesi vorrei innanzitutto sgombrare il campo da qualsiasi dubbio, rispetto al fatto che, questa interrogazione possa essere riferita ad una persona in particolare. Perché tengo a sottolineare ancora una volta che proprio a questa persona mi legano rapporti di amicizia, di stima che vengono da molto lontano. Quindi, non è assolutamente riconducibile alla persona di cui casualmente dobbiamo parlare attraverso questa interrogazione.

I sottoscritti Consiglieri Comunali: Cuomo Elio, Genco Ubaldo, Giannandrea Domenico, Totaro Stefano e Valentini Aldo Vito:

Premesso che

-l’articolo 78 quinto comma del decreto legislativo n. 267/2000 stabilisce che al Sindaco, gli Assessori Comunali ed hai Consiglieri Comunali è vietato ricoprire incarichi ed assumere consulenze in enti ed istituzioni dipendenti o comunque sottoposti al controllo ed alla vigilanza del relativo comune;

- l’articolo 39 terzo comma dello statuto comunale testualmente recita: al sindaco al vice sindaco, agli assessori ed ai consiglieri comunali è vietato ricoprire incarichi ed assumere consulenze presso Enti ed Istituzioni dipendenti o comunque sottoposti al controllo ed alla vigilanza del comune;

- l’articolo 9 primo comma del regolamento per il funzionamento del Consiglio Comunale testualmente recita: al sindaco, al vice sindaco, assessori e consiglieri comunali è vietato ricoprire incarichi ed assumere consulenze presso enti ed istituzioni dipendenti o comunque sottoposti al controllo ed alla vigilanza del comune;

che il comune di Putignano è socio fondatore della fondazione carnevale;

- che il Sindaco di Putignano nomina, come ha nominato, due consiglieri ed il Presidente del Consiglio di Amministrazione della Fondazione Carnevale di Putignano;

-che il Consiglio di Amministrazione della Fondazione Carnevale nomina, come ha nominato, su proposta del Sindaco del comune di Putignano i membri del Collegio dei Revisori della stessa Fondazione;

- che il comune di Putignano assegna alla Fondazione Carnevale un contributo annuo di 450 mila euro che da solo corrisponde a ben oltre il 50% dell’investimento complessivo che si rende necessario per l’organizzazione dell’evento carnevale;

-considerato che  appare evidente come il comune di Putignano sia obbligato per legge a svolgere azione di controllo, di vigilanza considerato il notevole contributo assegnato alla fondazione carnevale;

-che il comune di Putignano è tenuto ad esprimere il proprio parere sul bilancio consuntivo così come approvato dal Consiglio di Amministrazione della Fondazione Carnevale;

- che il comune di Putignano è tenuto ad esprimere osservazioni e pareri sul bilancio preventivo così come approvato dal Consiglio di Amministrazione della Fondazione Carnevale;

-che la procedura di nomina dei componenti il Collegio dei Revisori effettuata dal Consiglio di Amministrazione della Fondazione Carnevale su proposta del Sindaco dimostra in maniera inequivocabile che il comune di Putignano viene a svolgere nella forma e nella sostanza azione di vigilanza e di controllo sulla Fondazione stessa;

chiedono: se continua a ritenere che non sussistano dettati normativi e regolamentari tali da non consentire che un Assessore Comunale possa ricoprire dietro sua nomina contestualmente anche la carica di Presidente della Fondazione Carnevale di Putignano. Grazie.

Entrano i Consiglieri Laera e Valentini. Presenti n. 21.

PRESIDENTE

Grazie Consigliere. La parola al Sindaco per la risposta. Prego.

 

SINDACO

Grazie Presidente. Prima si parlava di decollo del carnevale. Mi è sembrata sicuramente la parola giusta, visto che la Ryanair,  primaria compagnia di navigazione aerea,   grazie alle attività che nel tempo sono state costruite (dico nel tempo gli ultimi due anni) con la Ryanair medesima, vettore non solo di persone ma  anche di beni ad uso  commerciale, ha chiesto alla Fondazione Carnevale di Putignano di essere suo sponsor per il quattromilionesimo passeggero trasportato da Ryanair che atterrerà a Bari in data 13 dicembre 2011. Quindi, mi sembra che quel percorso di svecchiamento in senso imprenditoriale, ma radicato nelle tradizioni che io additavo nell’anno 2009, ovviamente nel tempo, sta dando i suoi frutti. Quelli esposti in precedenza  sono alcuni e questo ne è un altro. Così come per capire se il carnevale ha avuto successo probabilmente bisognerà  chiederlo alle persone, ai tanti turisti presenti durante  l’edizione 2011, che abbiano visitato in misura, per la prima volta, effettivamente controllata, documentabile con i biglietti dello sbigliettamento del parcheggio e con quelle che è il resoconto da parte degli organi di Polizia sia Carabinieri che Vigili Urbani, e da parte degli addetti al controllo, quale è stata l’affluenza di pubblico e l’esito del gradimento del nostro carnevale presso il medesimo pubblico.

Allora, il carnevale è un argomento difficile per Putignano, è un argomento di grande sensibilità ma vi posso assicurare che a Belluno Putignano non è conosciuta per gli abiti da sposa, ma per il carnevale. E lo posso testimoniare perché io giro forse più degli altri per motivi Istituzionali in questo periodo, visto che sono il Sindaco pro-tempore come pro-tempore è ciascuno di noi quando espleta e svolge un incarico pubblico.

Per quanto attiene al quesito fondamentale di questa interpellanza è il presupposto che è errato. La Fondazione non è sottoposta al controllo formale e/o alla vigilanza da parte del comune, quindi, alla Fondazione non si applica l’articolo 78 del decreto legislativo 267/2000, né la qualifica di Socio Fondatore determina la sottoposizione tout cour al controllo e vigilanza da parte del comune medesimo. L’articolo 15 dello Statuto vigente non obbliga il Fondatore ad esprimere il parere sul bilancio tanto che ne disciplina addirittura il silenzio assenso.

Premesso, inoltre,  che non è dimostrato alcunchè in relazione alla esistenza dell’obbligo di vigilanza e/o di controllo ritengo che, anche confortato da illustri precedenti e da illustri precedenti processuali, anche a noi molti vicini geograficamente, che non sussista l’incompatibilità tra il ruolo di Presidente della Fondazione e quello di Assessore.

Purtuttavia ho sempre affermato,in tutte le sedi,  che la circostanza e la nomina della persona Giuseppe Genco che ricopre il ruolo di Assessore nell’Amministrazione da me presieduta nella veste di Presidente della Fondazione Carnevale, per motivi di opportunità, era da considerarsi eccezionale. L’ho ripetuto, l’ho detto, l’ho confermo ancora una volta in questa sede e quindi, essendo ormai esaurito il mandato a lui conferito, primariamente quello del risanamento contabile finanziario della medesima Fondazione, unitamente alla Organizzazione delle Manifestazioni 2011 del Carnevale, provvederò a fare, come da Statuto, come prevede lo Statuto la nomina del nuovo presidente a brevissimo.

Garantendo, comunque, la continuità amministrativa, prescritta dalla legge che non invento io. Per cui il bando per essere concreti, bando è stato fatto e bando sarà applicato, manifestazioni che hanno date fisse, per esempio 26 dicembre e così via, saranno organizzate, la macchina amministrativa della Fondazione è già in piedi, il Consiglio di Amministrazione, seppure rinnovato parzialmente, in ogni caso, esisteva, esiste oggi ed esisterà domani con le responsabilità amministrative che ad essi  consenguono.

 

 

 

dicembre 3rd, 2011

La gestione della scuola per l’infanzia della Fondazione  Santa Maria degli Angeli produce un passivo di 96 mila euro all’anno. Il consiglio di amministrazione chiede alle maestre di  costituirsi  in cooperativa  e  gestire l’asilo. Scoppia la  polemica con l’ex presidente Papanice per le dichiarazioni del sindaco in consiglio comunale.

“Prima dell’ insediamento del nuovo consiglio di amministrazione – ha detto in consiglio comunale il sindaco rispondendo ad una interpellanza della Lista Rossi – ,   l’ex presidente Papanice  ha trasformato  i contratti  di collaborazione del personale  in 11 contratti   subordinati a tempo determinato  e per 2   a tempo indeterminato, tra cui   la nuora di Papanice  con il ruolo di  coordinatrice.  La modifica dei contratti  ha fatto lievitare la spesa per gli stipendi    da 148.000 euro a 240.000. 

Papanice  replica a muso duro  “Ho trasformato il contratto del personale non per agevolare qualcuno  ma perché questo era quanto  mi imponeva l’art 30 del Regolamento Regionale in materia di personale.  Si usano le cifre parziali per fare insinuazioni su  una realtà che invece  è ben differente – replica Papanice .

Quanto ai riferimenti  a mia nuora trovo molto scorretta la citazione personale  fatta dal sindaco  in consiglio comunale, perché mia nuora lavorava per il Conservatorio Santa Maria degli Angeli    anche quando non era mia nuora  e prima  che io diventassi presidente .

Le dichiarazioni e  i particolari  li trovate ne Il Giornale di Putignano in edicola

 

dicembre 1st, 2011

Alle 16,00 di giovedì 1 dicembre, nella sala consiliare del Comune di Putignano  il maestro Franco Laera ha firmato “in diretta”,  accettando la nomina  a presidente della Fondazione.   I particolari, i commenti, i progetti, curiosità e indiscrezioni  le trovate come sempre  su Il Giornale di Putignano  in edicola domani

 

novembre 28th, 2011

Nella foto una serata di degustazione organizzata   dalla associazione Polis con Franco del Settebello

Terza età S.Maria degli Angeli:  il programma

Martedi’ 29 novembre – ore 17.30 – Saletta Università  in via Laterza (nei pressi chiesa san Domenico) : presentazione delle iniziative  del 15°Anno Accademico  dell’Università della Terza Età e Tempo Libero “S.MARIA degli ANGELI.

Interverranno: Dott. Piero Console, Presidente Fondazione   S. Maria degli Angeli , Avv. Elisabetta Console, Coordinatrice iniziative Università Terza Età e Tempo Libero.

 

Sportello per il lavoro

 

Nella sala Consiliare del Comune di Putignano, martedì 29 novembre 2011, alle ore 12,00,  conferenza Stampa relativa all’ammissione del Comune di Putignano a due Bandi regionali che prevedono l’apertura presso l’Ufficio Relazioni con il Pubblico (URP) di uno “sportello” per fornire informazioni e consulenza sulle opportunità di lavoro e sui bandi della Regione Puglia per soggetti svantaggiati (giovani, disoccupati, cassintegrati, ecc.).

Prevista anche l’apertura di  un “centro” contro le discriminazioni con l’attiva partecipazione della Consulta Femminile del Comune di Putignano, per fornire informazioni, ascolto, assistenza legale ecc.

 

Consiglio Comunale: 30 novembre

 

Mercoledì 30 novembre, alle ore 17.30  consiglio comunale.  All’ordine del giorno la risposta del sindaco    a 2 interpellanze presentate dalla Lista Rossi (Carnevale ed Opera Pia) e due interpellanze  (sul Carnevale) presentate da Pdl e Centro Città (Cuomo).

Tra gli altri punti in discussione  l’ Assestamento Generale dei Conti dell’Anno 2011. Alcune variazioni di Bilancio.  Riconoscimento della legittimità di debiti fuori bilancio.

 

 La Foto dei lettori

 

In visita alla Garibaldi.  Il 6 novembre in occasione della festa delle forze armate le famiglie Barletta, Campanella, Contegiacomno, Netti e Secondo,guidati dal luogotenente Linto Leonardo, Tecnico elettronico di bordo della nave Garibaldi e dal Maresciallo Giuseppe Debellis, Segretario comando squadriglie, si sono recati presso il porto navale della Marina Militre a Taranto per una visita guidata alla portaerei. Le famiglie ringraziano gli amici militari per aver loro dato questa splendida opportunità

 

Concorso fotografico

Quattordicesima edizione del concorso fotografico  “LA  CAMPAGNA  NEL  MIRINO” della  GOCCIA

La 14ma edizione, del  concorso fotografico organizzato da La Goccia  avrà come tema  “Sotto i trulli con il sole e con l’ombrello come è bello, come è bello. Dimore rurali e trulli”,

Circa quaranta fotografi  hanno accettato l’invito a partecipare anche dai paesi limitrofi, con  150 foto sul tema.

Previste tre classifiche:  tecnica, popolare e dell’Associazione. organizzatrice

Il giudizio tecnico è affidato come lo scorso anno al  poeta  Lino Angiuli,  cultore di storia e tradizioni  locali.

La classifica popolare  è affidata  al giudizio dei visitatori che potranno esprimere la propria preferenza fino a venerdì 16 dicembre, visitando la mostra.

La mostra resterà aperta al pubblico da domenica 14 dicembre, dalle ore 19,00 alle 21,00 nei giorni feriali e, nei giorni festivi, anche dalle 10,00 alle 12,00.   in Via Porta Barsento 10 dove si svolgerà   la cerimonia di premiazione, domenica 18 dicembre  alle ore 18,30.